Tutti i colori di LEGO

Quando si pensa ai colori LEGO, gli AFOL pensano spesso a colori come ROSSO, BIANCO, BLU, GIALLO e NERO. I più giovani conoscono colori come VERDE, ROSA, ROSSO SCURO e anche ARGENTO. Ma potrebbe essere una sorpresa scoprire che nei primi giorni di LEGO molti di questi colori erano già presenti.

Ecco una panoramica di come i colori LEGO si sono evoluti

1949-1956: I mattoncini LEGO si chiamano Automatic Binding Bricks, o ABB in breve. I colori sono tanti e belli, dato che la plastica è qualcosa di nuovo i colori sono accesi e piacciono. LEGO ha 3 diversi tipi di giallo, Arancio, 4 Verdi, 3 Rossi, 4 Blu (compreso Blu chiaro) 2 Bianchi, Trasparente, Viola, Rosa e Marrone. Un mix selvaggio di colori!

E poi c’erano mattoncini marmorei che avevano diversi colori contenuti in sè, forgiati con diverse spirali. Erano considerati di seconda qualità e venduti per meno, oggi è l’opposto!

1956-1958: I mattoncini LEGO vengono chiamati Mursten , che significa appunto mattoncino. I colori sono ridotti a BIANCO, ROSSO, GIALLO BLU VERDE E TRASPARENTE, dove il verde è un colore molto raro.

1958-1978: Arrivano i mattoncini LEGO così come li conosciamo, ma qualcosa di strano è accaduto loro, oltre ad avere i classici “tubi” sul lato inferiore, qualcosa di strano è successo con i colori. Sono quasi tutti spariti!!! Per molti anni infatti sono stati disponibili solo i colori ROSSO e BIANCO. Ottimo per costruire case con tetti, ma un po’ noiosi.

C’erano effettivamente altri colori pure, BLU, GIALLO, NERO e TRASPARENTE ma erano molto più rari, mentre di VERDE si vedevano solo basi e alberi.

Verso la fine di questo periodo riappaiono alcuni colori, come BLU, GIALLO e NERO, che diventano gradatamente normali. Con il classic Space ritorna il GRIGIO CHIARO, e qualche ROSA e VERDE si riaffaccia timidamente nel mondo LEGO.

1978-1997: per i colori LEGO sono i migliori anni. Verso la fine di questo periodo LEGO ha oltre 100 colori. WOW! Qualsiasi cosa era possibile, tutti i colori sembravano disponibili!

Ma i sogni non durano per semrpe. LEGO Group entra in un brutto periodo e sono sull’orlo del fallimento. Hanno bisogno di ridisegnare il loro prodotto e una delle idee per risparmiare soldi era fare meno colori. Da oltre 100 si scende a circa 50 (in questo periodo il mattoncino DUPLO 2 x 2 è quello che ha più colori con 46 differenti varianti).

1997-2003: Fortunatamente per l’umanità, LEGO sopravvive e si rifonda dalle ceneri. I colori sono pochi, ma ce ne sono sempre tanti tra i quali scegliere. Siamo felici. Possiamo costruire arcobaleni e terreni. Totalmente inconsapevoli dell’orribile che stava per avvenire.

2004 fino ad oggi: I più vecchi tra di noi lo ritengono un periodo terribile e confusionario. Uno che vorremmo eliminare. Il GRIGIO CHIARO viene rimpiazzato dal GRIGIO CHIARO BLUASTRO, stessa sorte per il GRIGIO SCURO (GRIGIO SCURO BLUASTRO) il MARRONE dal MARRONE ROSSASTRO e il ROSA dal ROSA ACCESO. Altri colori sono cambiati pure, ma non tanto da doverlo rimarcar.e

LEGO non è pronta nonostante tutto a modificar ei colori. Per risparmiare soldi, non comprano più pellet precolorati di ABS (i pellet di cui è fatta LEGO). Iniziano a miscelare i colori da soli. L’esempio più lampante è il set 4755 (Nottetempo) in cui il viola è sempre di gradazioni diverse. Per questo motivo altri brick inizieranno a riflettere la luce in modo più forte.

Ma in fondo, ci piaace LEGO e tutti i colori che ha. Nutre la nostra immaginazione e ci rende capaci di costruire praticamente tutto!

Articolo di Maxx per The Brick Blogger (originale http://thebrickblogger.com/2011/02/lego-colors-introduction/)

Adattamento e traduzione Jody Padulano

Cosa ne pensi? Puoi dire la tua anche nel nostro Forum